Il sogno di Mandela è svanito: la “Nazione Arcobaleno” non c’è più

Nelson Mandela con il suo predecessore de KlerkLa scorsa settimana trenta famiglie di agricoltori sudafricani sono giunte in Russia, nella regione agricola di Stavropol, dove hanno richiesto asilo per sfuggire ai continui attacchi e alle minacce di morte di cui sono vittime in patria. Nel biennio 2016-2017 in Sudafrica le fattorie degli afrikaner sono state oggetto di 638 attacchi compiuti da neri, che hanno portato alla morte di 74 agricoltori bianchi, secondo quanto riferisce il movimento per i diritti delle minoranze AfriForum. Il Sudafrica si appresta a celebrare i cento anni dalla nascita di Nelson Mandela forse nel momento peggiore della storia post-apartheid. Travolto da scandali di corruzione e alla prese con una preoccupante crisi idrica, ora l’ex “Nazione Arcobaleno” si trova alle prese con crescenti tensioni razziali: sarebbero quasi 15mila i boeri, discendenti dei colonizzatori olandesi del Sudafrica, pronti ad abbandonare le terre dei padri per trasferirsi all’estero, dopo l’impennata di violenze susseguenti la decisione del governo di espropriare le proprietà agricole dei bianchi afrikaner.
Continua a leggere