Addio a Eduard Shevardnadze, fu il diplomatico della Perestrojka

Eduard_ShevardnadzeSi racconta che quando era solo un alto funzionario del Partito Comunista in Georgia (all’epoca parte dell’Urss), osservando i delegati che lo salutavano con il pugno chiuso, Eduard Shevardnadze abbia esclamato: «Compagni, così non va! Avete tutti al braccio orologi di valore ben superiore ai vostri stipendi. Ciò vuol dire solo una cosa: qui c’è corruzione!». Forse le cose non andarono proprio così, ma sembra che proprio quella fama di incorruttibile giunse a Mosca e colpì Mikhail Gorbaciov, tanto da affidargli le redini della diplomazia sovietica da oltre vent’anni nelle mani dell’onnipotente Andrej Gromyko. Gorbaciov aveva infatti capito che, oltre che caratterizzare le riforme all’interno del blocco socialista, la Perestrojka doveva anche segnare il nuovo corso nelle relazioni internazionali. E per tali fini, serviva uno come Shevardnadze. Continua a leggere

Il ritorno di Gorbaciov: “La fine dell’Urss? Non è stata una mia colpa”

“Avevo visto la necessità di attuare una decentralizzazione ed una modernizzazione dell’Urss, ed ero comunque per mantenere in vita l’Unione. I vari tentativi di considerare me la causa del collasso sovietico sono un qualcosa di irresponsabile, infondato e disonesto”. Con queste dure parole, pronunciate durante un incontro organizzato sabato a Mosca dall’agenzia di stampa russa RIA Novosti, l’ultimo presidente dell’Urss Michail Sergeevic Gorbaciov ha commentato gli eventi storici che lo videro protagonista tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta. “Posso definire la mia carriera politica un successo – ha continuato Gorbaciov -, e quando parlo di carriera intendo ciò nel senso vero del termine, non in quello che può attribuirgli un uomo in carriera, che non sono mai stato”.  Nel suo primo intervento in pubblico dopo molti anni, il leader della perestrojka ha ricordato la sua vita da funzionario comunista all’interno dell’Urss, Continua a leggere

Da Putin ai comunisti, Gorbaciov attacca tutti

Michail Gorbaciov

Nuovo capitolo nei rapporti, ormai deteriorati, tra l’ex presidente sovietico Michail Gorbaciov e Vladimir Putin: in un’intervista rilasciata all’emittente radiofonica Echo Moskvy, l’uomo della perestrojka ha criticato duramente l’attuale leadership russa ed in particolare il premier russo, accusando quest’ultimo di avere interesse solo a preservare il proprio potere personale. Gorbaciov ha posto la questione di una Russia che necessita di riforme economiche e politiche da attuare nei prossimi cinque anni. Un percorso che, secondo l’ex segretario del Pcus Continua a leggere

Gli Stati Uniti Sovietici: l’ultimo atto della perestrojka

Gorbaciov con Ronald Reagan

Esattamente vent’anni fa la perestrojka in crisi sfornava la sua ultima e forse più ambiziosa riforma: quella di dare all’Unione Sovietica una reale forma di stato federale. Era il 20 giugno 1991 quando Michail Gorbaciov presentò al mondo l’Unione delle Repubbliche Sovrane Sovietiche, un progetto che avrebbe dovuto trasformare una nazione che faceva del centralismo un punto cardine della sua esistenza in una federazione di repubbliche sovrane. Per far fronte alle forze centrifughe che ormai minavano seriamente l’integrità dell’impero sovietico, Continua a leggere