Nel Kazakhstan del boom economico: oasi del lusso sulla Via della Seta

Girando tra le scintillanti vetrine degli opulenti Magazzini GUM di Mosca, non ci si può non imbattere in frotte di turisti provenienti dalle repubbliche dell’Asia ex sovietica impegnati a fare shopping tra le varie griffe che riempiono i tre piani del mastodontico edificio sulla Piazza Rossa. Tra di loro, sono soprattutto i kazaki i più assidui frequentatori degli atelier Valentino, Max Mara, Armani e Tod’s: un passaggio obbligato, un rito irrinunciabile per chi vuole concedersi il lusso di un abito griffato da sfoggiare nelle grandi occasioni. Ma presto questo scenario umano potrebbe cambiare: proprio in Kazakhstan, nell’ex capitale Almaty, da circa un mese ha aperto i battenti l’Esentai Mall, una struttura da 52mila metri quadri che costituisce il più grande centro commerciale dell’Asia Centrale, della quale aspira a diventare una sorta di Mecca del lusso. Un’inaugurazione in grande stile, con il sottofondo dei clacson delle tante Mercedes bloccate nel traffico impazzito di Almaty, simbolo della crescente opulenza di un paese che sembra galleggiare sul petrolio. Continua a leggere

L’opposizione fa i conti in tasca a Putin: “Ha lo stile di vita di un nababbo”

Dopo la vicenda dei suoi orologi di lusso, Vladimir Putin finisce di nuovo sotto la lente d’ingrandimento dell’opposizione per le folli spese che avrebbe sostenuto durante la sua permanenza al Cremlino: Solidarnost’, uno dei movimenti protagonisti delle proteste in piazza dei mesi scorsi, ha pubblicato mercoledì un rapporto di 32 pagine che elenca tutti beni e le proprietà a disposizione del Presidente russo, che Putin considera come suoi beni privati. “Per lui fa poca differenza se un bene è pubblico o privato”, ha dichiarato l’ex premier, e oggi politico d’opposizione, Boris Nemtsov, che ha presentato il documento, secondo il quale Putin disporrebbe di venti residenze, più di cinquanta tra aerei ed elicotteri, una flotta di 700 macchine e quattro yacht, che gli permetterebbero di mantenere “uno stile di vita superiore a quello di uno sceicco e di un oligarca”. Continua a leggere

Putin “scivola” sui suoi orologi: valgono sei volte il suo reddito annuo

Non si sono ancora spente in Russia le polemiche per l’orologio milionario immortalato al braccio del Patriarca ortodosso Cirillo da una foto galeotta (che la curia moscovita ha poi cercato di occultare con un penoso e malriuscito fotomontaggio), che sulla stessa buca ci è inciampato perfino Vladimir Putin: lo schieramento d’opposizione Solidarnost‘, uno dei protagonisti delle manifestazioni che hanno invaso le piazze russe ad inizio anno, ha diffuso una stima, con tanto di foto, secondo la quale Putin avrebbe speso una cifra sei volte superiore il suo reddito annuo per assecondare la sua passione per gli orologi extralusso. Il presidente russo ha dichiarato nel 2011 un reddito di 3,6 milioni di rubli (90mila euro circa) ma, secondo Solidarnost’, possiederebbe una preziosa collezione di cronografi dal valore di 22 milioni di rubli (540mila euro): la prova è data da una sequenza filmata, pubblicata su YouTube, in cui sono montate tutte le immagini in cui Putin appare con al braccio un costoso orologio di marca. Continua a leggere