Sembra paradossale, ma i migranti non arrivano tutti dall’Africa più povera

Migrants_VOANews_PinaultStando ai dati del Viminale, negli ultimi due anni sulle nostre coste sono sbarcati migranti provenienti prevalentemente da Nigeria, Costa d’Avorio, Ghana, Mali, Guinea, Senegal, Eritrea, Sudan, Tunisia e Marocco. In nessuno di tali paesi c’erano guerre, o sussistevano situazioni di pericolo o di violenze tali da giustificare la richiesta dello status di rifugiato. Oltretutto, con i dovuti limiti e con eccezione di Eritrea e Sudan per i loro regimi dittatoriali e antidemocratici, bisogna rilevare che nell’ultimo biennio in quasi tutti vigevano (e sono in vigore tutt’oggi) regimi democratici e multipartitici, dove almeno formalmente vengono garantiti i diritti umani. Continua a leggere

Mosca, incidenti a sfondo razziale nella periferia sud: quasi 400 persone arrestate

La notizia, ancora ufficiosa, che potrebbe essere un immigrato centroasiatico l’assassino di un 25enne russo ucciso giovedì durante una rapina a Birjulovo, periferia di Mosca, è stata la scintilla che ha scatenato un pomeriggio di scontri nella banlieu a sud della capitale russa. Gruppi di ultras, esponenti nazionalisti e residenti locali hanno prima dato l’assalto a negozi gestiti da lavoratori stranieri, devastandoli, poi si sono resi protagonisti di una vera e propria guerriglia urbana con la polizia, tanto da richiedere l’intervento dei reparti speciali degli OMON, che hanno fermato circa 400 persone. E’ l’epilogo di giorni di tensione, diretta anche verso le forze dell’ordine, accusate dai cittadini di essere incapaci di contrastare il crimine diffuso nelle popolose periferie russe, dove la crescente presenza di immigrati provenienti da ex repubbliche sovietiche sta creando da tempo difficili situazioni di convivenza con i russi.   Continua a leggere