Russia, approvata l’amnistia per i reati finanziari: liberi centomila detenuti

Con 298 voti a favore e un solo astenuto, la Duma, la Camera Bassa del parlamento russo, ha dato oggi il via libera definitivo all’amnistia per i colletti bianchi condannati per reati finanziari: si tratterà di un massiccio intervento svuota-carceri, che nei prossimi sei mesi dovrebbe riguardare circa centomila condannati per tangenti, corruzione, truffa, frodi e vari reati fiscali. Il provvedimento si applicherà solo a coloro che risarciranno i danni cagionati dai loro comportamenti illeciti e che non si trovano agli arresti anche per reati contro la persona: una discriminante che, a pensarla in maniera maligna, sembra fatta apposta per evitare un ulteriore sconto di pena per Mikhail Khodorkovskij, l’ex petroliere in carcere da dieci anni per reati fiscali e furto di greggio, che dovrebbe ritornare in libertà nell’autunno 2014. Continua a leggere