Bakijev: “Ho rassegnato le dimissioni perchè minacciato”

Bakijev in conferenza stampa

Bakijev in conferenza stampa (RIA Novosti)

Da Minsk, dove si trova ospite del presidente Lukashenko, il deposto presidente kirgyzo Kurmanbek Bakijev lancia nuove accuse contro il governo provvisiorio.
L’ ex presidente ha convocato ieri una conferenza stampa per ribadire ciò che afferma da quando ha lasciato il suo paese: “Le mie dimissioni sono illegali”.
La scorsa settimana il premier ad interim del Kirghizistan, Roza Otunbajeva, aveva annunciato alla comunità internazionale che Bakijev, fuggito in Kazakhstan, aveva rassegnato le dimissioni da presidente tramite un fax, circostanza che lo stesso Bakijev aveva subito smentito, chiedendo ai leader mondiali di non riconoscere il nuovo governo.

Ieri l’ex presidente ha fatto una parziale retromarcia, ammettendo sì di aver firmato la lettera di dimissioni, ma di averlo fatto sentendosi minacciato: “Quando ho scritto quella lettera, ero sotto minaccia di quelli che hanno preso il potere con la forza”.
Bakijev ha quindi sottolineato che le sue dimissioni non sono valide perchè tutte le procedure previste dalla legge non sono state completate,  e che il governo è stato troppo frettoloso a dichiarare decaduta la sua carica: “La Costituzione prevede che sia il Parlamento a dover dibattere delle mie dimissioni, e ciò non è stato fatto”.

L’ex presidente ha anche voluto rispondere al ministro degli Esteri russo Lavrov, che aveva opposto un veto al suo ritorno in Kirghizistan: “Non punto a tornare in Kirghizistan come presidente. Ho però voluto sottolineare l’illegalità delle mie dimissioni, affinchè il Paese possa far ritorno ad una base di legalità”.

Kirghizistan nel caos, Bakijev si dimette e va in esilio

Roza Otumbajeva

Il premier Roza Otunbajeva (RIA Novosti)

L’ex presidente kirghizo Kurmanbek Bakijev avrebbe rassegnato le dimissioni, in cambio di un salvacondotto per il Kazakhstan: lo ha annunciato alla stampa il premier ad interim Roza Otunbajeva, mostrando una copia di un fax che rappresenterebba la lettera di dimissioni di Bakijev.
Nella lettera il deposto presidente riconoscerebbe le proprie responsabilità davanti al popolo del Kirgyzstan, rimette il proprio mandato “allo scopo di preservare l’unità dello Stato”.

Il condizionale è d’obbligo, perchè dallo staff dell’ex leader non è giunta  alcuna conferma ufficiale delle dimissioni, anzi il fratello di Bakijev, Akhmed, ha addirittura ha definito “falso” il documento inviato via fax, aggiungendo che l’ex presidente si troverebbe ancora nella residenza di famiglia nel sud del Paese, sua tradizionale roccaforte.

Ma le affermazioni di Akhmed Bakijev sono state smentite dal presidente kazako Nursultan Nazarbajev, che ha confermato che l’ex presidente kirghizo è stato prelevato ieri sera da un volo militare e trasportato nella città kazaka di Taraz, dove ora si troverebbe: il governo provvisorio ha accettato le richieste di Russia, USA e Kazakhstan, concedendo all’ex presidente il diritto di lasciare il Paese.
Bakijev era stato deposto a seguito di violente manifestazioni di protesta, iniziate nella città di Talas il 7 aprile e diffusesi in altre regioni del Paese, provocando la morte di almeno 84 persone ed il ferimento di altre 1.600.

AIUTI INTERNAZIONALI. Mosca e Washington hanno intanto offerto al nuovo governo il loro aiuto economico, per permettere al Kirghizistan di incamminarsi sulla strada di uno sviluppo sociale e democratico. Il Cremlino in particolare ritiene la democrazia in Kirghizistan fondamentale per la stabilità dell’area dell’ex Asia Sovietica, poichè, dal punto di vista russo, la rivolta è esplosa proprio a causa della mancanza di una vera democrazia nel Paese.

CAOS NEL PAESE. Il rischio che il Kirghizistan piombi nella guerra civile non è però scongiurato dalla fuga dell’ex presidente: nelle prime ore della mattina di sabato un gruppo di 300 fedelissimi di Bakijev ha assaltato un edificio amministrativo a Jalal-Abad, nel sud del Paese, chiedendo a gran forza la liberazione dell’ex ministro della difesa Kaliev, arrestato nei giorni scorsi.
Sempre nella stessa città un altro gruppo invece ha violentemente contestato l’arrivo del ministro degli Interni Shernjazov, che si stava recando ad un incontro con alcuni ufficiali di polizia: l’auto del ministro è stata bersaglio di un massiccio lancio di sassi, che ha spinto la scorta ad optare per una fuga precipitosa.

LUKASHENKO STA CON BAKIJEV. La Bielorussia intanto è pronta a ricevere l’ex presidente kirghizo Bakijev e a dare a lui ed alla sua famiglia tutto l’aiuto di cui necessita: lo ha dichiarato il presidente bielorusso Alekasandr Lukashenko, ribadendo che Bakijev, se deciderà di trasferirsi a Minsk, potrà trovare  tutto il sostegno che vuole.
Lukashenko ha affermato di non riconoscere il nuovo governo insediatosi in Kirghizistan, che ha già avuto offerte di sostegno da Russia e Stati Uniti, nè tantomeno crede alle dimissioni inviate da Bakijev attraverso un fax: “Per me resta lui il presidente. La firma che il governo provvisiorio mostra di continuo ai media non è vera”.