Il sogno di Mandela è svanito: la “Nazione Arcobaleno” non c’è più

Nelson Mandela con il suo predecessore de KlerkLa scorsa settimana trenta famiglie di agricoltori sudafricani sono giunte in Russia, nella regione agricola di Stavropol, dove hanno richiesto asilo per sfuggire ai continui attacchi e alle minacce di morte di cui sono vittime in patria. Nel biennio 2016-2017 in Sudafrica le fattorie degli afrikaner sono state oggetto di 638 attacchi compiuti da neri, che hanno portato alla morte di 74 agricoltori bianchi, secondo quanto riferisce il movimento per i diritti delle minoranze AfriForum. Il Sudafrica si appresta a celebrare i cento anni dalla nascita di Nelson Mandela forse nel momento peggiore della storia post-apartheid. Travolto da scandali di corruzione e alla prese con una preoccupante crisi idrica, ora l’ex “Nazione Arcobaleno” si trova alle prese con crescenti tensioni razziali: sarebbero quasi 15mila i boeri, discendenti dei colonizzatori olandesi del Sudafrica, pronti ad abbandonare le terre dei padri per trasferirsi all’estero, dopo l’impennata di violenze susseguenti la decisione del governo di espropriare le proprietà agricole dei bianchi afrikaner.
Continua a leggere

La Russia vivrà uno scontro generazionale, ma è nell’ordine delle cose

Vladimir PutinComincia ufficialmente il quarto mandato presidenziale di Vladimir Putin, rieletto Presidente della Federazione Russa lo scorso 18 marzo. Nell’urna gli elettori hanno scelto la continuità, e non c’erano dubbi: nessuno dei candidati che ha corso contro di lui aveva la forza politica tale da insidiarlo. E se pure Aleksej Navalnyj, escluso dalla competizione elettorale per una precedente condanna, vi fosse stato ammesso, non avrebbe creato particolari preoccupazioni, poichè il blogger anti-corruzione in termini elettorali è ben poca cosa. Colui che in Occidente è ritenuto un po’ forzatamente il principale oppositore di Putin, è in realtà una figura che elettoralmente è poca cosa, un “anti-sistema” noto non tanto per il suo progetto politico (sempre che ne abbia uno) quanto per le sue plateali azioni in diretta social (come quella di sabato, quando al suo solito si è fatto arrestare in favor di telecamera per aver indetto una manifestazione in una piazza di Mosca sebbene le autorità gliene avessero concessa un’altra): un personaggio che, come tutti quelli che dichiarano guerra al “sistema”, inevitabilmente finisce per conquistare i più giovani, che per natura sono sempre affascinati da chi vuol eliminare tutto il marcio esistente e costruire un mondo bello e colorato. Continua a leggere

Sulla Siria il tema della fedeltà atlantica dell’Italia c’entra poco

FarnesinaIl panorama politico nazionale si divide ora anche in politica estera, e non poteva essere altrimenti, visto che il muro contro muro in Parlamento (e fuori) è una costante ormai da diversi anni su temi che possono essere di natura sociale, politica o economica. Ma quando si cerca a tutti i costi di vedere tutto diviso tra “bianco” e “nero” senza accorgersi delle sfumature, allora poi si incappa in colossali castronerie. Come l’attuale bega politica che, sullo sfondo del bombardamento contro la Siria, vedrebbe contrapposti partiti sedicenti filo-atlantici a partiti teoricamente filo-russi, neanche fossimo tornati ai tempi della Guerra Fredda. Sì, perchè nella fretta di catalogare Lega e Fratelli d’Italia come partiti amici della Russia di Putin, poiché critici verso il blitz anglo-franco-statunitense sulla Siria di sabato notte, ci si è dimenticati di un piccolo particolare: a cosa serve tirare in ballo la fedeltà all’Alleanza Atlantica quando sulla vicenda siriana la NATO non è direttamente coinvolta? Continua a leggere

Ma c’è qualcuno che vuole realmente una Siria pacificata?

RaqqaLa comunità internazionale ha buttato via sei anni. Già, perché la pace in Siria sarebbe potuta tornare già da tempo, dopo che un’intesa per metter fine al conflitto (che da un anno insanguinava il martoriato paese) era stata raggiunta al termine della Conferenza internazionale di Ginevra del 30 giugno 2012. Sulla base dell’ampio piano in sei punti stilato dall’inviato della Lega Araba Kofi Annan i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu più la Turchia, il Kuwait, il Qatar e l’Ue avevano prodotto un documento finale che prevedeva la nascita di un esecutivo di unità nazionale composto da esponenti del regime di Bashar al-Assad e da membri delle forze anti-governative, che avrebbe redatto una nuova Costituzione e guidato la fase di transizione della Siria fino a libere elezioni. Del ruolo di Assad nel testo finale non veniva fatta esplicita menzione, tuttavia Annan aveva ottenuto dal presidente siriano, dopo un incontro a Damasco, la conferma di una partecipazione al processo di pace: il 3 luglio 2012 lo stesso raìs, in un’intervista al quotidiano turco Cumhuryiet, ventilava per la prima volta l’ipotesi di sue dimissioni, se ciò fosse servito a pacificare il Paese. Continua a leggere