La guerra in Siria poteva concludersi già nel 2012. Ma chi se lo ricorda più?

Una strada di AleppoSeppur in maniera quasi impercettibile, nel corso dell’ ultimo mese le paludose acque del pantano siriano si sono mosse: poco a dir la verità, ma il sasso lanciato nello stagno da Vladimir Putin con l’intervento militare russo nel conflitto un effetto minimo l’ha sortito. Tra le nebbie e mille distinguo, comincia a intravedersi la sagoma sfocata di una soluzione alla guerra che insanguina da quattro anni il Paese mediorientale: una transizione di sei mesi, con governo di unità nazionale guidato da un rappresentante di quel che resta dell’opposizione moderata e formato anche da membri dell’attuale regime di Bashar al-Assad fino ad elezioni con le quali, sotto egida Onu e delle principali organizzazioni internazionali, il popolo siriano deciderà il suo futuro. Pur mancando un’ufficialità il piano russo sembra avere questa forma, per la quale Mosca sta cercando il consenso delle principali potenze coinvolte nel conflitto, dagli Usa fino alla Turchia e all’Arabia Saudita, tra i principali sostenitori della deposizione del rais, sulla quale però la Russia ha già dato il suo njet.

Un “no” definitivo? Non proprio, perché per Putin più ampia sarà questa piattaforma di accordo, maggiori saranno le possibilità di una rapida soluzione del conflitto e della sconfitta degli islamisti: nonostante le numerose smentite russe, Assad potrebbe essere l’agnello da sacrificare per la pace in Siria. Un’ipotesi che nemmeno il leader di Damasco si sente di escludere a priori, e lo ha ribadito anche in alcune dichiarazioni degli ultimi mesi, l’ultima ad inizio ottobre.

Se da un lato queste notizie suscitano la speranza che il terribile massacro possa finalmente volgere al termine, dall’altro lasciano spazio ad una riflessione: se il piano di pace avrà queste fattezze, allora la comunità internazionale ha buttato via tre anni. Già, perche un’intesa su di un simile accordo di pace in Siria era stato già raggiunta il 30 giugno 2012 al termine di un apposito vertice internazionale in corso a Ginevra.

Sulla base del piano in sei punti stilato nell’aprile dello stesso anno dall’inviato della Lega Araba Kofi Annan (che andava dalla fine delle violenze al rispetto dei diritti umani, alla scarcerazione dei prigionieri politici), i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu più la Turchia, il Kuwait, il Qatar e l’Ue avevano prodotto un documento finale che prevedeva la nascita di un esecutivo di unità nazionale in Siria, composto sia da esponenti del regime che da membri delle forze anti-governative, che avrebbe redatto una nuova Costituzione e guidato la fase di transizione fino a libere elezioni. Del ruolo di Assad nel testo finale della Conferenza non veniva fatta esplicita menzione (come del resto anche nel Piano Annan), ma il 3 luglio 2012 lo stesso raìs in un’intervista al quotidiano turco Cumhuriet ventilava per la prima volta l’ipotesi di sue dimissioni, se ciò fosse servito a pacificare la Siria.

La svolta sembrava nella crisi imminente, ma appena una settimana dopo il vertice di Ginevra ecco il colpo di scena. Al vertice di Parigi degli “Amici della Siria” (i paesi che sostenevano l’allora opposizione moderata siriana), Usa e Ue ritirarono a sorpresa il loro appoggio ad una transizione attraverso un governo di unità nazionale, ed annunciarono che da quel momento avrebbero offerto sostegno politico, economico ed anche militare al solo Consiglio Nazionale Siriano (una sorta di Fratellanza Musulmana siriana).

Con il ritiro del sostegno dell’Occidente al governo di transizione, Kofi Annan veniva di fatto delegittimato, nonostante l’ex Segretario dell’Onu nelle stesse ore continuasse a lavorare al compromesso di coinvolgere anche il regime di Damasco nel processo di transizione pacifica, incontrando Assad e ottenendo la sua disponibilità al processo di pace. Resosi conto ormai di non aver più il necessario sostegno internazionale per andare avanti, Annan si dimise dal suo incarico il successivo 31 luglio.

I perché di questo dietrofront di Bruxelles e Washington sono rimasti un mistero, ma non è difficile capire che il pomo della discordia furono le dimissioni di Assad. Gli Usa avrebbero accettato un piano come quello dell’ex Segretario Generale dell’Onu solo se avesse previsto l’esilio del rais, di cui invece non si faceva esplicito riferimento. Secondo quanto scritto dal Guardian in quei convulsi giorni, già durante il G20 di Los Cabos (Messico) del 18 giugno 2012 Barack Obama e il premier britannico David Cameron avevano concordato di imporre ad Assad le dimissioni in cambio della fuga e soprattutto dell’immunità dalle accuse di crimini contro l’umanità nei suoi confronti. E in base a ciò sarebbero stati avviati, nei giorni immediatamente precedenti il vertice di Ginevra, dei negoziati segreti per contrattare la resa del leader siriano, anche con il benestare di Putin che, secondo quanto scritto dal quotidiano russo Moskovskie Novosti, avrebbe contemporaneamente avviato una trattativa sotterranea con il presidente bielorusso Lukashenko perché concedesse asilo politico al fuggitivo Assad.

Ma il 4 luglio 2012 il quotidiano d’opposizione russo Kommersant, citando fonti diplomatiche, rese nota la notizia di un accordo segreto sull’esilio di Assad, obbligando così Mosca ad una precipitosa retromarcia. Per bocca del portavoce Dmitrj Peskov, il Cremlino smentiva le ricostruzioni del Kommersant e confermava invece che il destino di Assad lo avrebbero “deciso i siriani”. Dinanzi alle titubanze russe, tre giorni dopo Stati Uniti ed Ue a Parigi avrebbero fatto saltare il precario tentativo di accordo. Mistero nel mistero: non è mai stata fatta luce da chi sia partita la soffiata al Kommersant.

Il resto è storia nota. La sanguinosa guerra in Siria è proseguita per i successivi tre anni, generando un’emergenza umanitaria che non si vedeva dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Putin riuscirà dove Annan ha fallito? Staremo a vedere. Ma alla luce della somiglianza tra la soluzione proposta nel 2012 dal rappresentante della Lega Araba e quella di oggi proveniente dal Cremlino, è assodato che il disastro siriano poteva essere evitato.

Annunci