Dalla guerra delle sanzioni tra Ue e Russia gode l’Azerbaijan

gas-flameChi prenderà il posto di Mosca come fornitore di gas dell’Europa? I giorni immediatamente successivi allo stop imposto da Mosca alla costruzione del gasdotto South Stream, forse la più grave delle conseguenze del braccio di ferro tra Russia e Ue, sono stati caratterizzati da un susseguirsi di domande come questa, la cui risposta è sembrata essere univoca: l’Azerbaijan. Il rapporto tra Bruxelles e Baku non è mai stato idilliaco, per vicende sia storiche che d’attualità riguardanti il vicino armeno, ma anche per questioni relative al pugno di ferro con cui il presidente Aliev guida il Paese da più di dieci anni: ma considerate le temperature polari che il termometro euro-russo segna da un po’, i governi europei sembrano aver compreso la necessità di avvalersi delle risorse energetiche del Mar Caspio, per evitare che quel “grande freddo” si sposti dalla metafora politica alla cruda realtà.

E’ perciò da quando Vladimir Putin ha (è il caso di dirlo) gelato tutti annunciando la rinuncia a South Stream, quei Paesi divenuti improvvisamente orfani del gas russo hanno cominciato a indicare il quello proveniente dall’Azerbaijan come un sostituto, seppur parziale. Pochi giorni fa il premier ungherese Viktor Orban ha citato in un intervento «i buoni rapporti» tra Budapest e Baku nel settore energetico, come anche il suo omologo croato Zoran Milanovic ha dichiarato che la chiusura di South Stream non avrà ricadute sulla vita del Paese balcanico, poichè Zagabria ha ulteriori fonti di approvvigionamento: fonti che hanno le fattezze del TAP, il gasdotto transadriatico che porterà il gas azero in Puglia, da dove poi verrà smistato in Croazia. Il TAP sarà il segmento finale del costruendo Southern Gas Corridor, la colossale infrastruttura con la quale l’Azerbaijan ambisce ad un ruolo di primo piano tra i fornitori energetici d’Europa.

Sebbene i 10 miliardi di metri cubi di gas iniziali che Baku porterà nel Vecchio Continente non siano paragonabili al quantitativo fornito da South Stream, il Southern Gas Corridor aprirà una nuova “rotta” attraverso la quale arriverà in Europa gas proveniente anche da altri giacimenti azeri e turkmeni, a cui in futuro potrebbero aggiungersi anche quelli iraniani. Tutto ciò farà dell’Azerbaijan un partner privilegiato dell’Ue, sia come fornitore sia come nazione di transito: aspetto di cui l’Europa se ne sta pian piano rendendo conto.