Aerei militari russi in Bielorussia, Mosca: “Tutela dei nostri confini”

sukhoi-su30Entro il 2015 Mosca disporrà di una nuova base aerea in Bielorussia: i tecnici russi stanno ultimando i progetti per un vero e proprio quartier generale dell’aviazione in territorio bielorusso, la cui costruzione inizierà il prossimo anno. Il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu ha inoltre confermato che nella base verranno anche dislocate quattro batterie di missili antiaereo S-300, un’iniziativa che rientra nell’ambito della cooperazione militare tra i due paesi e che – ha sottolineato Shoigu – andrà a migliorare sensibilmente le capacità difensive di Minsk. La Bielorussia, così come il Kazakhstan, è parte di uno specifico accordo con la Russia per la creazione di un sistema congiunto di difesa antiaerea all’interno della CSTO, l’alleanza militare che comprende anche il Kirghizistan, il Tagikistan e l’Armenia. Attualmente in Bielorussia sono già attive due installazioni militari russe: una stazione radar che fa parte del sistema antimissilistico di Mosca, e un centro comunicazioni che funge da “ponte” tra i sommergibili nucleari con compiti d’attacco.

“La nuova base non è diretta contro la NATO e non dovrebbe perciò essere vista come una risposta allo scudo di difesa americano in Europa Orientale”  ha assicurato il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov in un incontro con i suoi omologhi tedesco e polacco Westerwelle e Sirkorski, tenuto a Varsavia venerdì scorso. “Russia e Bielorussia sono già un unico spazio militare,” ha aggiunto Lavrov “e non fa differenza se gli aerei saranno dislocati in un punto piuttosto che in un altro. Non cambia niente, stiamo solo proteggendo i nostri confini.”

Annunci