Muore a Londra Boris Berezovskij, l’oligarca nemico di Vladimir Putin

L’ex oligarca Boris Berezovskij, l’uomo più potente di Russia negli anni Novanta e successivamente nemico giurato di Vladimir Putin, è morto questo pomeriggio a Londra all’età di 67 anni. Lo ha annunciato il genero Egor Shuppe attraverso la sua pagina Facebook. Non ci sono ancora notizie ufficiali, ma prende forza l’ipotesi che Berezovskij si sarebbe suicidato. Secondo alcune fonti, il controverso finanziere da qualche tempo soffriva di depressione dopo il divorzio (milionario) dalla moglie, e pare volesse fare ritorno in Russia. Tale ipotesi è confermata dalle parole del portavoce di Putin Dmitrij Peskov, che intervistato dall’emittente Rossija 24 ha rivelato che Berezovskij due mesi fa aveva scritto una lettera al presidente russo chiedendogli perdono per i propri crimini e manifestando il desiderio di trascorrere i suoi ultimi anni in patria. Boris Berezovskij era diventato un ricchissimo finanziere nei turbolenti anni Novanta, grazie alle compiacenti amicizie all’interno del clan dell’allora presidente Boris Eltsin: complice la corruzione dominante, era riuscito ad ottenere i massimi benefici dal processo di privatizzazione non trasparente con il quale lo Stato russo cedette i propri asset energetici ed industriali.

La stella di Berezovskij, divenuto anche proprietario di media ed azionista di banche,  iniziò a tramontare nel 2000 con l’arrivo al potere di Putin, che della lotta allo strapotere degli oligarchi aveva fatto il suo manifesto politico: accusato di riciclaggio di danaro sporco e attività illecite, nel 2001 fuggì in Francia e poi in Inghilterra, prima che la magistratura russa ne chiedesse l’arresto.

Nel 2007 i giudici russi lo condannarono in contumacia a sei anni di carcere per appropriazione illecita di fondi appartenenti all’Aeroflot, mentre nel 2009 gliene furono comminati tredici in un processo per una truffa ai danni della casa automobilistica russa Avtovaz. L’ultima accusa, dal carattere prettamente politico, ha riguardato poi le recenti proteste di piazza contro Putin dello scorso anno: secondo il SKR, il Comitato investigativo russo (per funzioni di polizia simile all’Fbi o alla Digos italiana), Berezovskij avrebbe avuto un ruolo influente nell’organizzare e finanziare i movimenti politici anti-Putin. Come pure la scorsa estate gli fu attribuito di essere stato la mente della clamorosa azione di protesta delle Pussy Riot e della loro invocazione contro Putin nella cattedrale del Cristo Salvatore di Mosca:  “Non c’entro con loro e non ho mai progettato niente con loro – fu la sua risposta – ma se avessi ideato io un’azione come quella, ne andrei orgoglioso”.

Scotland Yard ha subito avviato un’ indagine sulla morte di Berezovskij per capire le cause della morte di Berezovskij. Per ora trapela, secondo quanto scrive l’edizione on line del Kommersant,  che sul corpo dell’ex oligarca, ritrovato senza vita nel bagno di casa, non sarebbero stati rilevati segni di violenza. Se alcuni conoscenti del miliardario parlano di un problema cardiaco emerso negli ultimi tempi, col passare delle ore si rafforza l’ipotesi suicidio, per via anche di alcune notizie che lascerebbero pensare ad un uomo sconvolto da problemi familiari (la separazione dalla moglie, appunto) e soprattutto economici, dopo che in agosto era stato condannato a pagare quasi 6 miliardi di dollari a Roman Abramovic (l’attuale patron del Chelsea FC) in una causa sul controllo della compagnia petrolifera Sibneft.

Una situazione finanziaria che pare fosse divenuta disastrosa: l’avvocato Aleksandr Dobrovinskij, noto penalista russo ed ex legale dell’oligarca, conferma che Berezovskij negli pochi mesi fa aveva chiesto ad un amico comune 5000 dollari in prestito per acquistare un biglietto aereo.

Al momento pare esclusa invece l’ipotesi di un omicidio, nonostante la vittima fosse sfuggita per ben due volte ad un attentato e che il suo nome fosse stato associato alla misteriosa morte di Aleksandr Litvinenko, ex spia del Fsb passata al soldo dei servizi britannici e assieme a Berezovskij considerato il referente degli oppositori di Putin in Gran Bretagna.

Annunci