L’Ucraina nuova superpotenza energetica grazie al gas di scisto?

Da Cenerentola da anni vessata dalla “sorellastra” Russia, l’Ucraina potrebbe diventare un’ambìta principessa dell’energia: se il gas di scisto, la nuova fonte energetica derivante dalle argille su cui si stanno concentrando gli studi e le ricerche degli scienziati di mezzo mondo, dovesse essere riconosciuto come un degno contraltare al gas metano estratto da giacimenti naturali, Kiev potrebbe diventare una nuova superpotenza energetica continentale. Il governo ucraino ha annunciato di voler portare ai massimi livelli di utilizzo gli enormi giacimenti nella zona di Juzovskij (riserve stimate per 4mila miliardi di metri cubi di gas), a poca distanza dalle città di Donetsk e Kharkiv (Ucraina occidentale), che sono già diventati oggetto di attenzioni di multinazionali del petrolio straniere come l’olandese Royal Dutch Shell, che a fine gennaio ha sigliato un accordo da 10 miliardi di dolllari per il loro sfruttamento.

Secondo gli olandesi, nel giro di cinque anni dai giacimenti ucraini potrebbero essere estratti dagli 8 ai 20 miliardi di metri cubi di metano annui: ciò significherebbe che il paese ex sovietico, da anni messo sotto scacco dalla Gazprom, potrebbe non solo divenire completamente indipendente per ciò che riguarda la produzione di gas metano, ma addirittura generare un surplus che consentirebbe a Kiev di trasformarsi da acquirente in venditore. Con tanto di guadagno per l’economia nazionale.

Nel frattempo gli Usa, che da anni stanno scommettendo sulle proprietà energetiche del gas di scisto, si sono detti pronti a cooperare con l’Ucraina nella sua corsa all’oro blu. Washington ha infatti offerto a Kiev la sua tecnologia e il suo know-how per procedere all’estrazione del gas di scisto in maniera ecocompatibile: in Ucraina (come in molte nazioni europee) sono infatti già numerose le proteste da parte degli ambientalisti, che ritengono le attività per l’estrazione del gas di scisto estremamenti inquinanti e che potrebbero potenzialmente apportare rischi per la sismicità dell’area.

Anche l’Italia, dal suo canto, sta giocando la sua partita per il gas di scisto ucraino: lo scorso giugno l’Eni ha infatti acquisito il 50,01% della Westgasinvest, compagnia ucraina che detiene una delle licenze per effettuare perforazioni nel bacino di Lviv, nell’Ovest del Paese.

Annunci