Le Forze Armate russe pronte ad attivare un nuovo radar anti-missile

Il Cremlino ha annunciato che un impianto radar anti-missile di ultima generazione, appartenente alla classe “Voronezh-DM”, è stato ultimato nella cittadina russa di Armavir, nella regione meridionale di Krasnodar, ed entrerà in servizio ad inizio 2013, con il compito di salvaguardare lo spazio aereo russo nel quadrante meridionale della Federazione. E’ stato lo stesso presidente Putin a dare l’annuncio, senza specificare date, durante un incontro con alcuni esponenti delle forze armate tenuto venerdì. Il nuovo radar andrà a sostituire la  vecchia stazione radar di Gabala, in Azerbaijan, che Mosca aveva in gestione dal 2002 e il cui contratto decennale di “affitto” con il governo di Baku è scaduto quest’anno. L’ultimo nato è uno dei quattro impianti classe “Voronezh” costruiti in Russia in anni recenti. Due Voronezh-M sono già operativi rispettivamente nella regione di San Pietroburgo e in quella siberiana di Irkutsk, mentre un terzo radar è stato installato a novembre 2011 nell’enclave russa di Kaliningrad, sul Baltico, in risposta ai piani di sviluppo dello Scudo di Difesa americano: si tratta di un Voronezh-DM, gemello di quello appena completato ad Armavir, che può disporre di un raggio d’azione di 6.000 chilometri. Ciò significa che potrà monitorare uno spazio aereo compreso tra i Pirenei, l’Algeria, il Sudan, l’Iran, l’Afghanistan e un’area compresa tra India e Pakistan.

Il Ministero della Difesa ha inoltre annunciato recentemente che altre due stazioni radar verranno costruite nel 2013 a Krasnojarsk (Siberia orientale) e nella repubblica autonoma di Altaj (Siberia meridionale).

Annunci