Problemi tecnici per il GLONASS, il Gps russo: slitta l’entrata in funzione

Ci sarebbero problemi di natura tecnica all’origine del rifiuto del Ministero della Difesa russo di adottare il GLONASS, il sistema di geolocalizzazione made in Russia, progettato per diventare il “rivale” (in termini militari e commerciali) dell’americano Gps: Mosca smentisce collegamenti con il recente giro di tangenti sulle forniture militari che lo scorso mese il recente siluramento del responsabile per la Difesa Serdjukov, main sponsor del sistema satellitare, e precisa che la decisione è stata presa per via del malfunzionamento di uno dei 24 satelliti che costituiscono il sistema, ancora in fase di test. E a quanto sembra, il problema manifestatosi non è di scarso rilievo. La Nezavisimaja Gazeta scrive che il satellite si trova in un’orbita dove nessuno degli altri 7 non ancora operativi può essere “dirottato”, mentre un satellite sostitutivo, lanciato nel 2008, si è guastato lo scorso settembre, pare a causa di un malfunzionamento di alcuni microchip prodotti a Taiwan, acquistati nel paese asiatico dopo che Usa, Giappone e Ue si erano rifiutati di venderne alla Russia per una ritorsione per la guerra contro la Georgia per l’Ossezia del Sud.

Non è invece percorribile la strada di mettere in orbita ancora un altro satellite: sebbene ce ne siano tre pronti a essere mandati nello spazio, il bilancio del governo russo per il 2013 non ha previsto fondi per ulteriori lanci. Vista l’attuale situazione, nessuno adesso a Mosca sa stabilire con certezza  quando il sistema potrà essere operativo. Il GLONASS (acronimo di GLObal NAvigation Satellite System) doveva entrare in funzione alla fine di quest’anno, tanto che dal prossimo 1° gennaio tutti gli operatori russi del trasporto pubblico e di materiali pericolosi dovranno dotare i loro vettori di rilevatori satellitari GLONASS, per riferire la loro posizione all’Agenzia russa del Trasporto.

Come per il Gps, anche il GLONASS è nato da un progetto militare top secret, ideato all’inizio degli anni Ottanta quasi in parallelo con quello americano: il primo satellite GLONASS sovietico fu infatti lanciato in orbita nel 1982. Dopo una sospensione del progetto dovuta alla mancanza di fondi nei primi anni post-sovietici, agli inizi degli anni 2000 il governo russo ha deciso di rifinanziare il progetto, con l’obiettivo tuttavia di trasferirne la tecnologia anche al comparto civile.

Annunci