Gazprom alla conquista dell’America Latina

Il quartier generale della Gazprom

La sede di Gazprom a Mosca

Il gigante energetico russo Gazprom ha aperto oggi a Rio de Janeiro il suo ufficio regionale per il Sud America, a conferma del rafforzamento della sua presenza nel Cono Sud. “L’America Latina rappresenta una regione di elevata importanza strategica per Gazprom, in termini di sviluppo del suo volume d’affari derivante dalle forniture di gas – ha dichiarato il capo della divisione internazionale del colosso russo Oderov -. La scoperta di giacimenti di idrocarburi e la crescita del consumo di gas in vari settori economici ci consentirà di sviluppare nuove partnership in quest’area mondiale.”

Il Brasile e l’America Latina sono diventati negli ultimi anni terreno di conquista per Gazprom, che ha già stipulato diversi accordi di cooperazione con sue omologhe sudamericane: con la brasiliana Petrobras e la boliviana YPFB sono in vigore accordi per attività di sondaggio dei giacimenti, nonchè di produzione, trasporto e vendita di idrocarburi. Inoltre, il gigante russo è di casa in Venezuela, massimo produttore di petrolio sudamericano, dove è membro del consorzio russo per il gas e il petrolio.

Una curiosità: la nuova sede di Rio, che suggella l’asse economico tra due dei più dinamici membri dei Brics, è stata inaugurata proprio nel giorno in cui la Russia, il Brasile e gli altri paesi emergenti si sono presentati per la prima volta al G20 di Cannes non per chiedere aiuti finanziari all’Europa, ma per offrirne. Un segno dei tempi che cambiano.

Annunci