Ecco il “Nevskij”, il nuovo sommergibile di Mosca

L' "Aleksandr Nevskij" in navigazione

Nelle gelide acque del Mar Bianco sono iniziati lo scorso weekend i collaudi dell’ “Aleksandr Nevskij”, il nuovo sommergibile nucleare russo appartenente alla classe Borej, i cui mezzi sottomarini sostituiranno gradualmente quelli della storica classe Tifone, resa famosa dal film Caccia a Ottobre Rosso. Il “Nevskij” andrà a porre le fondamenta del futuro sistema di difesa nucleare russo, insieme al suo gemello “Jurij Dolgorukij”, sul quale in questi giorni si stanno testando i nuovi missili balistici Bulava e Liner.

Dai cantieri navali Sevmash, dove sono nati il il “Dolgorukj” ed il “Nevskij”, tra qualche mese usciranno il “Vladimir Monomakh” e successivamente lo “Svjatitel Nicolaj”, sempre della classe Borej, ai quali dovrebbero aggiungersi altre quattro unità sottomarine della stessa classe entro il 2015, anche se da ambienti della Marina si parla di uno slittamento al 2020 per vedere realmente operativo il sistema di deterrenza nucleare composto dagli otto sommergibili.

Lo “Jurij Dolgorukj”, l'”Aleksandr Nevskij” sono costati 23 miliardi di rubli (750 milioni di dollari circa) ciascuno, sono lunghi 170 metri e larghi 13,50, hanno una stazza di 24mila tonnellate, possono scendere fino a 450 metri, viaggiare ad una velocità massima di 29 nodi e sono in grado di trasportare da 12 a 20 missili nucleari a testata multipla MIRV.

Vedi anche:
Mosca accelera sulla via del riarmo missilistico

Annunci