Elezioni in Polonia, in testa Piattaforma Civica

Il premier polacco Donald Tusk

Il partito dell’attuale premier Donald Tusk avrebbe vinto le elezioni politiche che si sono tenute oggi in Polonia: secondo i primi exit poll resi noti dalla Televisione di Stato a pochi minuti dalla chiusura dei seggi, i liberali di Piattaforma Civica avrebbero ottenuto il 39,9% dei consensi e distanzierebbero di quasi dieci punti il partito conservatore Diritto e Giustizia, guidato da Jaroslaw Kaczynski, ex premier ed antieuropeista convinto. 

Al terzo posto si collocherebbero i liberali del Palikot con il 10,1% dei voti, seguiti dal Partito dei Contadini con l’8,2% e dall’Alleanza Democratica di Sinistra con il 7,7%.

Sarebbero dunque questi gli unici partiti ad entrare in Parlamento, avendo tutti superato la soglia di sbarramento del 5% imposta dalla legge elettorale polacca. Qualora lo spoglio delle schede confermasse la vittoria di Piattaforma Civica, sarebbe la prima volta dalla nascita della Polonia democratica che un partito riesce ad aggiudicarsi due consultazioni elettorali di seguito.

Un bel colpo sia per il premier Tusk, che in questo modo riuscirebbe ad avere il consenso tale per dar vita alle politiche di avvicinamento all’Euro, sia per il Presidente della Repubblica e suo collega di partito Bronislaw Komorowski, eletto un anno e mezzo fa, su cui pendeva la spada di Damocle di un esito elettorale che potesse consegnargli un esecutivo di diverso colore politico, guidato dal suo rivale euroscettico Kaczynski: un risultato del genere significherebbe per Varsavia una brusca frenata sulla strada dell’integrazione europea.

Vedi anche:
Riuscirà l’Ue a riconquistare Varsavia?
(Da Il Punto n.31 del 5 agosto 2010