La FIFA: la Russia ospiterà i Mondiali del 2018

La Coppa del Mondo FIFA

La Coppa del Mondo FIFA

Sarà la Russia la nazione ospitante della XXI edizione della Coppa del Mondo di calcio: il numero uno della FIFA Sepp Blatter ha annunciato la decisione del vertice della Federazione calcistica mondiale al termine della cerimonia di assegnazione tenuta a Zurigo.
La candidatura russa ha battuto quelle congiunte di Belgio-Olanda e di Spagna-Portogallo, e soprattutto quella, agguerritissima, dell’Inghilterra: era del resto evidente che tra Londra e Mosca ci sarebbe stato un testa-a-testa fino all’ultimo, specie dopo che Blatter la scorsa estate aveva dato buone possibilità all’Inghilterra di aggiudicarsi il torneo, precisando però di essere rimasto molto impressionato dal progetto presentato dalla Federazione Russa.

Dodici città (tutte nella Russia Occidentale) e tredici avveniristici stadi saranno il teatro della kermesse sportiva: si tratta di San Pietroburgo, Kazan’, Samara, Kaliningrad, Volgograd, Ekaterinburg, Krasnodar, Sochi, Nizhnij Novgorod, Jaroslav, Rostov, Saransk e naturalmente Mosca dove saranno edificati due stadi, uno in città e l’altro nella regione circostante. (Guarda i progetti)

Russia 2018 sarà il Mondiale delle prime volte: il primo ad essere disputato in un paese ex comunista, il primo nell’Europa dell’Est ed il primo ad essere giocato in Russia.
Ma la Coppa del Mondo affidata alla Russia è soprattutto espressione delle politiche della FIFA e del Comitato Olimpico Internazionale verso le economie emergenti, nella logica del mondiale “veicolo di sviluppo”: i Mondiali 2010 si sono disputati pochi mesi fa in Sudafrica, quelli del 2014 saranno in Brasile, che due anni dopo ospiterà anche le Olimpiadi a Rio. La Russia sarà invece l’organizzatrice dei Giochi Olimpici invernali del 2014 a Sochi.

In attesa che la fiaccola olimpica venga accesa sul Mar Nero e che nel 2018 venga dato il calcio d’inizio a FIFA 2018, ad oggi l’unico evento sportivo a carattere mondiale disputato in terra russa resta l’Olimpiade di Mosca del 1980, anche se nel 2008 lo stadio “Luzhniki” della capitale ha ospiatato la finale della Champions League, ma in quel caso si trattò di una gara tra club e non tra compagini nazionali.