La Bulgaria entra nel progetto South Stream

Gazprom e la holding nazionale bulgara per l’energia BEH hanno siglato un accordo che prevede la costuituzione di una joint venture per la realizzazione della tratta bulgara del gasdotto South Stream: il trattato è stato firmato dai due premier Vladimir Putin e Boiko Borisov.

Il Primo Ministro bulgaro ha voluto sottolineare l’importanza di questo accordo per il suo paese, mentre Putin ha precisato che dal transito di gas sul proprio territorio la Bulgaria otterrà proventi per circa 2,5 miliardi di euro.

Questa parte del progetto South Stream prevede la costruzione di un gasdotto di 300 km che correrà dalla costa bulgara del Mar Nero fino al Mar Egeo, che sarà completato probabilmente entro il 2015, secondo quanto  annunciato dal numero 1 di Gazprom Aleksej Miller. South Stream andrà a rivaleggiare con il gasdotto Nabucco, che trasporterà il gas dalla Turchia orientale all’Austria e che l’Ue conta di completare nel 2016.

Putin con il cucciolo di cane

Un curioso siparietto ha concluso la cerimonia della firma. Borisov ha infatti regalato a Putin un cucciolo di cane, precisamente un pastore bulgaro “karakachan”: non è la prima volta che Vladimir Putin riceve un regalo del genere, poichè nel 2008, in occasione del suo compleanno, il premier si vide recapitare un cucciolo di tigre siberiana.

 

Vedi anche:
La tedesca Wintershall nel progetto South Stream?

Annunci