Niente più Tupolev per l’aeroporto di Mosca Vnukovo

Un Tupolev Tu-134 della compagnia Kolavja

Addio a due vecchie glorie dell’aeronautica sovietica: dalla prossima primavera i Tupolev 134 e 154-B non potranno più atterrare all’aeroporto di Mosca Vnukovo, il terzo scalo della capitale russa, generalmente adibito ai voli interni: le autorità aeroportuali ritengono i due modelli di aerei troppo rumorosi e fonte di disturbo per i residenti della zona, che recentemente è stata protagonista di un notevole processo d’urbanizzazione. E presto tale bando sarà allargato anche agli Iljushin 86.

La Russia dunque si adegua ad una normativa già in vigore in ambito Ue, che di fatto proibisce già dal 2002 l’atterraggio negli scali comunitari di questi tre modelli di jet.

Nasce ora un problema per le compagnie che  volano su Vnukovo con aerei Tupolev e Iljushin: se vorranno continuare a farlo, dovranno dotarsi di nuovi velivoli, ma ciò comporterebbe un aggravio di spesa che avrebbe un peso non da poco su piccole compagnie locali.
In alternativa, resta aperta una possibilità di dirottare alcuni voli locali sugli altri due aeroporti cittadini, Sheremetevo e Domodedovo, che non sembrano intenzionati a seguire Vnukovo nella sua crociata anti-rumore.