Caso Bjabenin, massima cooperazione Minsk-Osce

La Piazza della Vittoria a Minsk

Il Ministero degli Esteri bielorusso ha fatto sapere di aver dato la più completa disponibilità ad invitare in patria esperti criminologi di paesi-membri dell’Osce, che potranno così accedere a tutti i materiali disponibili sul caso di Oleg Bjabenin, il giornalista del portale d’opposizione Chartja ’97 trovato morto lo scorso 3 settembre nella sua casa alla periferia della capitale. La polizia locale ha attribuito il decesso ad un suicidio, ma gli esponenti di Chartja ’97 hanno respinto questa ipotesi ed hanno invece parlato di un omicidio di Stato.

Il governo bielorusso rivendica l’approccio responsabile tenuto dalle autorità competenti nelle fasi d’indagine: “Tutto è stato fatto in piena conformità con i requisiti di legge e a livello degli standard internazionali generalmente riconosciuti”, sottolineando come l’invito rivolto ad esperti esterni sia un passo senza precedenti in termini di prassi giuridica, non solo per la Bielorussia, ma anche per qualsiasi altro paese europeo.

Minsk esprime la propria costernazione per la morte del giornalista, ma si dice preoccupata per il modo in cui sul caso-Bjabenin si siano diffuse “infondate speculazioni ed insinuazioni varie” presso i media ed anche nelle dichiarazioni di alcuni rappresentanti di strutture internazionali.
Il riferimento è non solo ai molti giornali che, in Europa come in Russia, hanno accusato il governo di Lukashenko di usare violenza politica contro la stampa d’opposizione, ma anche ad importanti esponenti dell’Ue, come il presidente dell’Europarlamento Jerzy Buzek ed il ministro degli Esteri Catherine Ashton, che nei giorni seguenti la morte di Bjabenin hanno vibratamente chiesto a Minsk un’indagine trasparente.

“Siamo convinti – conclude la nota del Ministero degli Esteri – che le conclusioni imparziali degli esperti invitati consentiranno di eliminare ogni valutazione distorta e interpretazione tendenziosa nei confronti dei progressi e dei risultati dell’indagine”.

Vedi anche:
Bielorussia, morte sospetta di un giornalista “scomodo”

Annunci