Gli Usa dispiegano i “Patriot” in Polonia. Tensione a Mosca

Il lancio di un "Patriot"

Il lancio di un missile "Patriot"

Gli Stati Uniti hanno avviato lo scorso 24 maggio il dispiegamento di batterie di missili “Patriot” a ottanta kilometri dal confine con la Russia, nella base di Morag, che dovrebbe ufficialmente diventare operativa nel 2012: di fronte all’immediata richiesta di chiarimenti giunta da Mosca, Varsavia ha spiegato che si tratta solo dell’applicazione di un accordo stipulato nel 2008 dall’allora presidente George Bush e dall’ex presidente Kaczynski, che prevede la presenza nella base di militari americani nel ruolo di addestratori dell’esercito polacco.

Tale spiegazione non ha però convinto il Cremlino, che lamenta l’eccessiva vicinanza dei missili ai confini dell’enclave di Kaliningrad, dove, per ritorsione, la Russia sta pensando di dispigare a sua volta batterie missilistiche SS-26 “Iskander” al di qua del confine con la Polonia: ad avanzare questa ipotesi è stato il presidente della Duma Boris Gryzlov, che in un’ intervista televisiva ha dichiarato di non essere tranquillo degli sviluppi della situazione, e che la Camera Bassa del Parlamento russo discuterà presto di un rafforzamento militare nella regione di Kaliningrad.

Il viceministro degli Esteri Aleksandr Gruško ha a sua volta dichiarato che nulla giustifica questa decisione del governo di Varsavia, il quale ha risposto, tramite il ministro degli Esteri Sikowski, affermando che la Polonia, quale membro della NATO, ha tutto il diritto di adottare misure per tutelare la sicurezza dei propri confini.

Le nuove tensioni sui “Patriot” rischiano di far naufragare il clima di amicizia e di cooperazione che si era instaurato tra Mosca e Varsavia dopo il tragico incidente aereo di Smolensk dello scorso 10 aprile, costato la vita al presidente polacco Kaczynski e a numerosi membri del governo e delle istituzioni: nei giorni successivi Russia e Polonia avevano avviato una serie di attività congiunte per risalire alle cause del disastro, tanto che molti avevano parlato di un “nuovo corso” tra i due paesi ex alleati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...