La Russia simula un attacco NATO alla Bielorussia

Le rassicurazioni del nuovo presidente ucraino Janukovic, che appena eletto aveva promesso un’Ucraina “equidistante dalla Russia e dalla NATO”, sembravano aver dissolto per Mosca le paure di un ingresso di Kiev nell’ Alleanza Atlantica.
Ma evidentemente il Cremlino non si fida al cento per cento del leader ucraino, visto che il Ministero degli Interni ha organizzato una serie di esercitazioni militari nella regione di Lipeck, confinante con la Bielorussia e l’Ucraina, per prepararsi ad un’eventuale invasione della NATO proveniente dal territorio ucraino: un’esercitazione che doveva restare segreta e che invece, non si sa come, è giunta alle orecchie di alcuni giornalisti della zona. Solo che questi non hanno capito che si trattava solo di un’esercitazione.

Esercitazioni militari

Esercitazioni militari a Lipeck (RIA Novosti)

A causa della frammentarietà delle informazioni, i media di Lipeck hanno infatti interrotto i programmi annunciando che migliaia di profughi bielorussi stavano fuggendo in Russia a seguito di un’invasione NATO del loro paese, avallata dal governo di Kiev: per fermare un’incipiente ondata di panico i vertici dell’esercito sono dovuti intervenire con un comunicato, spiegando che le manovre militari in zona erano giusto un’esercitazione. La vicenda, grottesca, è stata riportata dal quotidiano Kommersant.

L’ufficio stampa del  Ministero degli Interni ha parlato di un equivoco, dovuto alla prossimità delle operazioni militari  al confine tra Russia, Bielorussia ed Ucraina, e soprattutto alla “voglia di protagonismo” di qualche alto ufficiale, che avrebbe parlato un po’ troppo con qualche giornalista. Non è stata però confermata la natura di quelle esercitazioni, anche se è molto probabile che l’oggetto fosse proprio il prevenire un attacco proveniente dall’Ucraina.

Una gaffe da Guerra Fredda che ha mostrato come il Cremlino non nutra poi una così eccessiva fiducia verso Viktor Janukovic, e che ha rischiato di provocare un incidente diplomatico con Kiev proprio quando le relazioni tra i due paesi stavano finalmente migliorando, dopo gli anni di gelo dovuti al progetto di ingresso nella NATO dell’ex presidente Juschenko, sconfitto proprio da Janukovic alle elezioni presidenziali dello scorso febbraio.

Al momento, da Kiev non è giunto alcun commento all’accaduto.

Un caso mediatico simile era accaduto il mese scorso in Georgia, quando l’emittente privata Imedi TV aveva, stavolta deliberatamente, dato notizia di un’invasione russa, scatenando il panico nella popolazione e vivaci proteste da parte della Russia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...