START 2, l’ombra dello scudo spaziale sulla firma

Obama e Medvedev

Barack Obama e Dmitrij Medvedev

A poche ore dalla firma del nuovo Trattato per la Riduzione degli Armamenti Strategici (START 2), Mosca paventa una minaccia di ritiro dall’accordo, qualora gli USA decidessero di rinforzare il loro sistema di difesa missilistica: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Sergej Lavrov.
“La Russia ha il diritto di ritirarsi dal Trattato – afferma Lavrov – se un incremento, quantitativo e qualitativo, nelle forze missilistiche strategiche americane andrà ad influenzare l’efficacia di quelle russe”. Lavrov ha specificato che sarà la Russia stessa a determinare la portata di questa influenza, quale precisa precondizione stabilita in sede di trattativa.
Mosca non considera lo scudo missilistico americano come un’immediata minaccia, ma – ha sottolineato Lavrov – “non possiamo escludere che possa eventualmente diventarlo”.
Per questo il capo della diplomazia russa ha più volte chiesto che il nuovo trattato sia collegato al dislocamento di missili americani in Europa Orientale.

Hillary Clinton

Hillary Clinton (Fonte: RIA Novosti)

In serata, a Lavrov ha risposto il Segretario di Stato Hillary Clinton, che ha auspicato il proseguimento del dialogo sul tema del sistema missilistico di difesa americano.
La Clinton ha però voluto specificare che il Trattato START 2 non è collegabile con lo scudo spaziale: “Lo START riguarda solo la riduzione dei rispettivi arsenali nucleari e non c’entra con i piani di difesa missilistica”, aggiungendo che le perplessità russe non sono una novità per gli USA. Del resto, è alquanto improbabile che il Senato americano ratifichi un trattato che implichi collegamenti con lo scudo spaziale.

Domani a Praga, dunque, Dmitrij Medvedev e Barack Obama apporranno le loro firme sull’accordo decennale che porterà ad una riduzione delle testate nucleari russe e americane a 1.500, mentre i vettori non dovranno superare il numero di 800 per entrambi gli eserciti.

Il Trattato START 2 subentra allo START 1, che fu firmato tra Stati Uniti ed Unione Sovietica nel dicembre 1991, pochi giorni prima che la bandiera rossa con falce e martello venisse ammainata dalle guglie del Cremlino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...