Una glasnost mediatica per Vladimir Putin?

Il Presidente e il Primo Ministro della Federazione Russa che cantano e suonano sulla Piazza Rossa, mentre la neve viene giù e vengono sparati gioiosi fuochi d’artificio: è l’immagine che i telespettatori del Primo Canale della Tv di Stato russa si sono trovati davanti domenica sera, durante la prima puntata di Mul’t Lichnosti, nuovo spettacolo satirico dell’emittente.

Ovviamente Dmitri Medvedev e Vladimir Putin non sono stati affatto rapiti dalle luci della ribalta: a divertire i telespettatori sono state le loro versioni a cartone animato, protagoniste dello show della domenica sera, che andrà in onda a cadenza quindicinale.

Medvedev e Putin in versione cartoon

Un'immagine dello show andato in onda domenica sera (da 1 Kanal)

Era dai tempi di Kukly, storico programma satirico dell’emittente NTV andato in onda fino al 2002, che in Russia non si vedeva il potere messo alla berlina: Putin allora era il bersaglio preferito delle parodie di Vasil Pichul, autore e regista del programma, che ora a distanza di otto anni, con Mul’t Lichnosti, ritorna a graffiare.

A cominciare dal titolo: Mul’t Lichnosti significa “Animazione della personalità”, ma per i telespettatori russi è stata chiarissima l’assonanza con la locuzione “kult lichnosti”, ovvero “culto della personalità”, una caratteristica sempre più marcata nell’immagine di sé che Vladimir Putin presenta ai cittadini.

A proposito di ciò, viene da chiedersi se il Putin cantante in versione “cartoon”, al posto del Putin-Rambo che guada il fiume, o del Putin-cacciatore che cattura le tigri siberiane rappresenti o no una sorta di glasnost’ mediatica: il fatto che la parodia sia andata in onda sul primo canale della TV pubblica (l’equivalente della nostra Rai Uno, per intenderci) autorizza a pensare che qualcosa a Mosca stia cambiando per davvero.

Secondo Evgenji Kiselëv, ex direttore di NTV ed attuale commentatore politico di Radio Echo di Mosca, tra le più autorevoli fonti d’informazione dell’opposizione russa, la presenza di Medvedev e Putin come protagonisti del cartone animato potrebbe significare che il governo sta iniziando ad allentare la sua presa di ferro sui media.

“Putin – ha osservato Kiselëv – fino a ieri è stato presentato dalla Tv statale sempre in situazioni a lui vantaggiose. Ora che è stato mostrato sotto forma di cartone animato, credo sia molto difficile continuare a ritenerlo una sorta di ‘demiurgo’. Forse siamo all’inizio di una dissacrazione del potere”.

Per Andreji Mukhin, analista del Centro per l’Informazione Politica, questo programma televisivo avrebbe inevce un preciso obiettivo, ovvero prevenire una possibile insoddisfazione pubblica verso Putin e Medvedev, mostrando l’immagine dei due leader attraverso una luce satirica soft.

Ma qual è stata effettivamente la reazione del diretto interessato, Vladimir Putin, alla messa in onda dello show? Raggiunto telefonicamente dal quotidiano in lingua inglese The Moscow Times, il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, ha dichiarato che il premier ha guardato lo spettacolo con interesse e l’ha trovato “divertente”.

Per la cronaca, Mul’t Lichnosti ha ottenuto al suo debutto uno share del 14%. Buon risultato, anche se il Presidente Medvedev, con il suo messaggio di auguri per il nuovo anno trasmesso dalla stessa rete, aveva ottenuto il 20%.

Mul’t Lichnosti
Annunci